Informazioni
Le valanghe sono fenomeni naturali che, nell'ambito di un territorio alpino come quello della Regione Autonoma Valle d'Aosta, possono condizionare notevolmente l'uso del suolo, il normale svolgimento delle attività di fondovalle e l’attività escursionistica. 
Al termine dell’inverno 2009 - 2010, il Catasto conta circa n. 1800 fenomeni valanghivi che interessano una superficie complessiva di poco superiore al 15 % del territorio regionale.
Per questo motivo è fondamentale avere strumenti capaci di riassumere, conservare e rendere facilmente fruibili le informazioni storiche relative ai fenomeni valanghivi.
Il Catasto regionale valanghe è lo strumento in cui dai primi anni Settanta L’Ufficio Neve e Valanghe dell’Amministrazione regionale aggiorna, inverno dopo inverno, registrando la storia delle valanghe osservate sulle montagne valdostane. Qui, oltre alla documentazione raccolta dai tecnici regionali, convergono informazioni e segnalazioni fornite dai rilevatori nivologici, documenti scritti, fotografie, misurazioni e quant’altro risulti utile a descrivere l’evento osservato ed a conservarne la memoria. Un attento lavoro di confronto, validazione ed archiviazione di tale materiale è indispensabile a garantire la qualità e la fruibilità di questa banca dati. 
La mole di informazioni raccolte dai primi anni Settanta ad oggi e conservate nel Catasto è notevole; l’esigenza di ordinarle, di agevolarne l’aggiornamento e di facilitarne la consultazione sta richiedendo l’informatizzazione, tramite un apposito software, di tutti i documenti e delle fotografie ad essi correlate. 
Il Catasto valanghe informatizzato sta rendendo più agevole l’elaborazione di numerosi parametri statistici: per ogni singolo Comune è possibile ottenere non solo il numero dei fenomeni noti, ma anche quello dei relativi eventi, con indicazioni circa la frequenza di accadimento, le dimensioni della valanga, l’entità dei danni provocati e così via. E’ anche possibile interrogare la banca dati ed ottenere un quadro esaustivo delle caratteristiche di ogni fenomeno valanghivo, correlando agevolmente i dati alfanumerici all’informazione cartografica e fotografica.
Per una corretta lettura ed interpretazione dei dati rappresentati nel Catasto valanghe è indispensabile conoscere la natura dei dati rappresentati.
Risulta molto importante non utilizzare il Catasto e le informazioni che in esso vengono riportate per scopi diversi da quelli per cui è stato originariamente sviluppato. 
Attenzione!
- il lavoro di informatizzazione del Catasto valanghe è attualmente ancora in corso, in caso di dubbi sulla lettura e la carenza di dati contattate l’Ufficio neve e valanghe (0165-776854 – u-valanghe@regione.vda.it)

Le valanghe sono fenomeni naturali che, nell'ambito di un territorio alpino come quello della Regione Autonoma Valle d'Aosta, possono condizionare notevolmente l'uso del suolo, il normale svolgimento delle attività di fondovalle e l’attività escursionistica. 

Al termine dell’inverno 2009 - 2010, il Catasto conta circa n. 1800 fenomeni valanghivi che interessano una superficie complessiva di poco superiore al 15 % del territorio regionale.

Per questo motivo è fondamentale avere strumenti capaci di riassumere, conservare e rendere facilmente fruibili le informazioni storiche relative ai fenomeni valanghivi.

Il Catasto regionale valanghe è lo strumento in cui dai primi anni Settanta L’Ufficio Neve e Valanghe dell’Amministrazione regionale aggiorna, inverno dopo inverno, registrando la storia delle valanghe osservate sulle montagne valdostane. Qui, oltre alla documentazione raccolta dai tecnici regionali, convergono informazioni e segnalazioni fornite dai rilevatori nivologici, documenti scritti, fotografie, misurazioni e quant’altro risulti utile a descrivere l’evento osservato ed a conservarne la memoria. Un attento lavoro di confronto, validazione ed archiviazione di tale materiale è indispensabile a garantire la qualità e la fruibilità di questa banca dati. 

La mole di informazioni raccolte dai primi anni Settanta ad oggi e conservate nel Catasto è notevole; l’esigenza di ordinarle, di agevolarne l’aggiornamento e di facilitarne la consultazione sta richiedendo l’informatizzazione, tramite un apposito software, di tutti i documenti e delle fotografie ad essi correlate. 

Il Catasto valanghe informatizzato sta rendendo più agevole l’elaborazione di numerosi parametri statistici: per ogni singolo Comune è possibile ottenere non solo il numero dei fenomeni noti, ma anche quello dei relativi eventi, con indicazioni circa la frequenza di accadimento, le dimensioni della valanga, l’entità dei danni provocati e così via. E’ anche possibile interrogare la banca dati ed ottenere un quadro esaustivo delle caratteristiche di ogni fenomeno valanghivo, correlando agevolmente i dati alfanumerici all’informazione cartografica e fotografica.

Per una corretta lettura ed interpretazione dei dati rappresentati nel Catasto valanghe è indispensabile conoscere la natura dei dati rappresentati.
Risulta molto importante non utilizzare il Catasto e le informazioni che in esso vengono riportate per scopi diversi da quelli per cui è stato originariamente sviluppato. 

Per ulteriori approfondimenti sono disponibili seguendo questo link due filmati tutorial da consultare.

Attenzione!
il lavoro di informatizzazione del Catasto valanghe è attualmente ancora in corso, in caso di dubbi sulla lettura e la carenza di dati contattate l’Ufficio neve e valanghe (0165-776854 –u-valanghe@regione.vda.it)

Portale delle Valanghe Regionali v1.0 | Informativa sui cookie